lunedì , 29 Novembre 2021

42° Rally San Marino, due giorni di show!

Meno di un mese al via. L’aria è già quella frizzante che contraddistingue i lunghi giorni della vigilia. Per la 42esima edizione del Rally di San Marino è già virtualmente iniziato il conto alla rovescia. Venerdì 4 e sabato 5 luglio: due giorni di passione, controsterzi ed emozioni nella sfida sammarinese, quinta prova del campionato italiano rally e secondo appuntamento stagionale del Trofeo Terra. Due tappe e dodici prove speciali.
Rally San Marino
Quattro previste nella prima giornata: due passaggi sulla mitica Sestino e due sull’asfalto della strada che conduce fino a Porta di Città, il cuore della Repubblica da corsa. Il giorno successivo saranno tre i tratti cronometrati da ripetere tre volte. Il menù prevede i classici passaggi sulle ps di Sant’Agata Feltria e Monte San Benedetto e la nuovissima Santa Sofia, strada bianca (con circa 2 km di asfalto) che debutta per la prima volta nella grande sfida rallistica sammarinese.

CIR E TROFEO TERRA DA URLO
Sudore e polvere. Dagli sterrati della Sardegna a quelli del San Marino. Tricolore Rally e Trofeo Terra vivono momenti di grandi passione. La corsa allo scudetto è adesso nella sua fase topica con Scandola (Skoda), Basso (Ford) e Andreucci (Peugeot) decisi a sferrare l’assalto decisivo. Finora nel campionato italiano sono andate in scena quattro gare. Al Ciocco e in Sardegna la vittoria è andata a Giandomenico Basso. A Sanremo è toccato a Scandola fare festa, mentre alla Targa Florio è stato Andreucci a mettersi tutti alle spalle. Distacchi minimi con leadership da parte di Scandola (che a San Marino, dove ha vinto nella passata stagione, partirà col numero 1) con 47 punti a cinque lunghezze di vantaggio da Basso che da queste parti ha conquistato la vittoria nel 2012 (quando la sfida biancoazzurra era valida per l’Irc) e 12 da Paolino Andreucci che in carriera ha vinto tre volte al San Marino. Non ci sono dubbi: sarà davvero una sfida al fulmicotone che arriva dopo un Rally d’Italia-Sardegna dove i colpi di scena si sono succeduti fin quasi sotto lo striscione d’arrivo. Sempre in Sardegna ha preso il via l’edizione 2014 del Trofeo Terra e la vittoria ha subito arriso a Renato Travaglia che con la Mitsubishi è subito balzato in vetta alla serie davanti al bresciano di Riccione Ricci che quest’anno ha abbandonato la fida Subaru per la Fiesta R5. La disfida terraiola dello Stivale, come sempre si annuncia combattutissima con un San Marino divenuto ormai una pietra miliare della serie. Da ricordare che il Rally di San Marino ha validità anche per l’ERMS Rally Cup, serie Emilia Romagna, Marche e San Marino (coefficiente 2) e per le sue sotto sezioni quali Gravel Specialist e San Marino Open Rally Cup.

BENVENUTI AL RALLY VILLAGE
Stand gastronomici, musica, spettacolo, aggregazione. Eccola qui, la grande novità dell’edizione 2014 del Rally di San Marino. È il rally village che al parcheggio 2 si trasformerà nel vero e proprio ombelico della manifestazione. Un polo per attrarre sia gli appassionati che i molti turisti che arrivano all’ombra del Titano. Uno show aggiuntivo in un luogo che catalizzerà le attenzioni. E’ qui che si terranno le verifiche ante gara, sempre qui si svolgerà, il giovedì sera, la presentazione delle vetture e degli equipaggi con i fantastici piloti del Campionato Italiano. Appuntamento speciale dalle 16,30 di domenica per i primi arrivi del rally storico, cui seguiranno, a partire dalle 19,30, gli arrivi del 42° Rally di San Marino e del 2° San Marino Baja. Nei giorni di gara il Rally Village aprirà i battenti al pomeriggio e diventerà il luogo dove unire diverse passioni. Quella del rally, ma anche quella della buona musica che animerà le notti del rally con Dj Night Parade.

Leggi anche

Pasquale Pucella pronto per il Rally di Roma Capitale

Riparte l’appuntamento con il Campionato Italiano Rally e con esso la serie dedicata ai giovani …